IL COLOSSO AMERICANO JAMESTOWN, LEADER NEL CAMPO DELLA RIGENERAZIONE INDUSTRIALE, PUNTA SU MILANO E COINVOLGE NELLA SCOMMESSA AZIMUT, SICAF REAL STEP E GIUSEPPE TORTATO ARCHITETTI.

Laura Cavestri, della rivista “Il Sole 24 Ore”, intervista dirttamente Michael Phillips, presidente del gruppo di investimento immobiliare Jamestown, colosso americano con un patrimonio gestito di 12 miliardi e sedi ad Atlanta, in Georgia, ad a Colonia in Germania. Nell’intervista Phillips racconta come, nonostante la crisi post-Covid 19, l’interesse degli investitori nell’ambito di riqualificazione di aree produttive ed archeologia industriale sia ancora ben attivo nei confronti del patrimonio edilizio italiano, ed in particola l’attenzione è puntata sulla città di Milano. Proprio Jamestown è reduce dalla recente collaborazione con Real Step, Azimut e lo studio Giuseppe Tortato Architetti nella competizione per l’assegnazione della rigenerazione dell’area “Ex macello” (150 mila mq) di Milano, nell’ambito del bando Reinventing Cities. La stessa Jamestown, sempre in collaborazione con Real Step e Giuseppe Tortato Architetti, è dietro all’acquisto e sviluppo dell’ex sede milanese della multinazionale Sandvik, a Nord di Milano.

Maggiori dettagli nell’articolo pubblicato su “Il Sole 24 Ore”, numero di Luglio 2020 ora in edicola o acquistabile in copia digitale. A seguire link diretto al sito della rivista:

Il Sole 24 Ore